MONTEPULCIANO

Di origine sconosciuta, il vitigno è sicuramente presente in Puglia a partire dalla fine del XVIII secolo, dove si diffuse principalmente nella zona settentrionale in provincia di Foggia. In particolare, in alcune fonti dell'epoca che descrivono le produzioni agricole del regno di Napoli, si fa esplicita menzione del Montepulciano coltivato nell'attuale provincia di Foggia. Dal punto di vista ampelografico, presenta un grappolo medio-basso semi serrato, conico o cilindrico-conico spesso alato.
L'acino è medio-piccolo con buccia nero-violacea molto spessa. Il Montepulciano si caratterizza anche per una maturazione abbastanza tardiva, una buona resistenza ai marciumi e alle gelate e un'ottima adattabilità al clima della costa adriatica. È parte integrante di diverse denominazioni d'origine protetta regionali: nelle Dop San Severo e Castel del Monte, ad esempio, storicamente è sempre stato accostato al Nero di Troia con il quale condivide i filari in vigna; e nelle Dop Brindisi e Copertino dove viene utilizzato in blend con il Negroamaro.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy - We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information